Ospiti

Scopri tutti i prestigiosi ospiti che saranno presenti a questa edizione della Crespi Cup, non solo professionisti del bonsai, ma anche scrittori, musicisti e designer.

HIROAKI SUZUKI

Hiroaki Suzuki Nato il 2 settembre del 1991, Hiroaki Suzuki è il figlio maggiore del maestro Shinji Suzuki. Nel periodo in cui ha frequentato il liceo, ha praticato il baseball nel ruolo di lanciatore nella squadra della scuola Nagano-shogyo. Dopo essersi diplomato, ha trascorso sette anni presso il vivaio di Masahiko Kimura, quale apprendista del maestro. Dopo questo importante periodo di formazione è tornato nel 2017 al vivaio di famiglia. Ha partecipato come dimostratore in molte manifestazioni oltre che in Giappone, anche in Europa, affermandosi come uno dei più promettenti artisti bonsai giapponesi.

Artista bonsai

NOBUYUKI KAJIWARA

Nato a Fukuoka, Giappone, nel 1951, è una figura di spicco nel panorama giapponese dei professionisti dell’arte bonsai. La sua grande sensibilità artistica, frutto di una personalità vivace, sensibile e creativa, e affinata da un intenso curriculum di studi universitari, si fonde armoniosamente con una tecnica rigorosa, acquisita in 15 anni di studi ed esperienza presso la famiglia Kato. Laureatosi in Giappone presso l’Università degli Studi Stranieri di Osaka si è trasferito poi in Olanda per frequentare il corso di laurea in Letteratura Medio Orientale. Viaggiando molto in Europa, Nord-Africa, Asia ed Estremo Oriente ha maturato il suo concetto di universalità dell’arte, che è bellezza, qualunque sia la forma in cui si esprime e che applica anche all’arte bonsai, di cui ammette interpretazioni differenti legate alla natura della specie, all’ambiente ed al clima locale. Attualmente vive a Londra, ma si sposta frequentemente per tenere corsi e seminari in Svizzera, Germania, Spagna, Nuova Zelanda. Cura regolarmente collezioni di rilievo, come quella del Kew Garden di Londra, come pure collezioni private. Nel 1991 ha lavorato in Italia per la prima volta, per la preparazione degli esemplari del Crespi Bonsai Museum. Dal 1992 detiene la cattedra di docente di arte e tecnica bonsai all’Università del Bonsai di Parabiago (Mi) ed è curatore del museo Crespi.

Maestro bonsaista, docente dell’Università del Bonsai e curatore del Crespi Bonsai Museum

SADAMITSU KATAOKA – Koshousen

Sadamitsu Kataoka, classe 1943, è discendente diretto di colui che nel 1920 contribuì all’elevazione di status delle ceramiche Tokoname: Akiji Kataoka, produttore della omonima manifattura di porcellana per vasi bonsai, nonché collezionista e conoscitore di antichi vasi cinesi, fondatore di una delle fornaci più famose al mondo, ovvero la Yamaaki.
Sadamitsu Kataoka, dopo essersi diplomato alla scuola superiore di Tokoname – sezione ceramica nel 1961, entrò nella azienda di famiglia continuando a studiare la ceramica sotto la guida del padre. Dal 1985 le ceramiche di Sadamitsu Kataoka sono firmate con il nome di Koshousen. Egli ha inventato anche lo stile dei vasi realizzati in “wood grain”, cioè a superficie irregolare con le sembianze della venatura del legno. La qualità e il valore raggiunti nella realizzazione dei vasi da questo autore sono spesso superiori a quelli di suo padre tant’è che, per la sua straordinaria attività di ceramista, ha ricevuto dal governo giapponese l’onorificenza “Ordine del sacro tesoro raggi in argento”. Sarà il maestro Kataoka, giudice della mostra-concorso dedicata ai vasi “Crespi Pot Cup 2019”.

Maestro vasaio

YOICHI NEGISHI

Yoichi Negishi è titolare di terza generazione dell’azienda storica di famiglia, la Negishi Industry Co. Ltd. l’unica azienda produttrice di annaffiatoi per bonsai in Giappone, fondata nel 1944 dal nonno. L’attività, inizialmente dedita alla produzione di attrezzi per il giardinaggio, si è specializza nella realizzazione di annaffiatoi per bonsai in rame, ottone e acciaio inossidabile. Tra i suoi committenti anche l’Imperatore del Giappone. Oltre che in patria, gli annaffiatoi per bonsai Negishi sono largamente apprezzati all’estero, Europa compresa.

Artigiano di terza generazione

ANTONIO RICCHIARI

È l’autore più prolifico del panorama bonsaistico mondiale di testi e studi con all’attivo ben 23 pubblicazioni e oltre 650 articoli. Collabora con varie riviste europee e il suo ruolo nei seminari è prevalentemente didattico, occupandosi di storia e filosofia, estetica e disegno, fisiologia vegetale. Nel 2009 ha fondato e diretto Bonsai & Suiseki Magazine, il primo open-magazine mensile letto in tutti i paesi del mondo. Nel 1999 ha aperto il proprio atelier “Progettobonsai”, che si occupa di didattica ed estetica del bonsai. È stato, dalla fondazione fino al 2015, Istruttore I.B.S. (Collegio Istruttori Bonsai e Suiseki). È membro della Nippon Bonsai Sakka Kyookai.

Bonsaista, scrittore

EDOARDO ROSSI

Nato a Padova nel 1960, ha cominciato la sua carriera come musicista e ha al suo attivo un’intensa attività solistica in ambito internazionale. Nel 1985 inizia ad interessarsi al bonsai e nel 1999 si diploma alla scuola d’Arte Bonsai sotto la guida del Maestro Hideo Suzuki. Ha approfondito le sue conoscenze con importanti maestri giapponesi, tra cui Hotsumi Terakawa, John Yoshio Naka, Susumu Nakamura, Susumu Sudō, Tomio Yamada, Kenichi Abe, Imai Chiaharu, Kunio Kobayashi, Isao Fukita e Arishige Matsuura per il suiseki. Nel 1987 è uno dei fondatori dell’Associazione Euganea del Bonsai di Padova, di cui è responsabile artistico e didattico. È socio fondatore e vice-presidente della filiale europea della “Nippon Bonsai Sakka Kyookai”. Nel febbraio 2016 è stato invitato a Tokyo, unico occidentale, come relatore al “Japan International Bonsai Symposium 2016”. Cura corsi, workshop e dimostrazioni in Italia ed all’estero.
È autore del libro Kazari – L’arte di esporre il bonsai e il suiseki, edito da Crespi Editori.

Bonsaista, musicista e scrittore

GAETANO SETTEMBRINI

Gaetano Settembrini ha affinato la propria capacità di osservazione grazie all’impiego della fotografia, cogliendo nell’inquadratura l’aspetto artistico del soggetto. Nel tempo allo sviluppo delle capacità visive ha affiancato l’interesse per le arti marziali, disciplina alla quale ha dedicato numerosi anni, avvicinandosi in modo definitivo alla cultura orientale. In questo contesto si colloca la sua passione per il mondo del bonsai che ha inizio nel 1988: prima attraverso letture e sperimentazioni su materiali da vivaio poi sempre con maggiore impegno, seguendo corsi, seminari e workshop anche con grandi maestri come Kimura e Terakawa. Dal 1998 è istruttore ufficiale iscritto al collegio I.B.S. (Istruttori Bonsai e Suiseki). Tiene regolarmente dimostrazioni e corsi bonsai di vario livello in tutta Italia.
Dal 2009 fa parte dello staff Crespi Bonsai.

Bonsaista

KAZUKO KATAOKA

Nata a Kobe (Giappone), dopo gli studi commerciali lavora per l’azienda Shiina occupandosi di decorazione della stoffa con la tecnica “yuzen di Kyoto”, che affina sotto la guida del maestro Shimizu Mitumi. Selezionata dall’Associazione Giapponese dell’Artigianato dei Nuovi Artisti nel `88 consegue una lunga serie di premi. Nel 2002 si trasferisce in Italia per presentare l’antico metodo yuzen attraverso la sua arte. È insegnante di tecnica Yuzen presso il Museo del Tessuto di Prato. Ha curato mostre di kimono in diverse località italiane. È inoltre esperta di shodō (calligrafia).

Artista di yuzen (pittura su kimono) e shodō (calligrafia)

SUSANNA MARINO

Insegna giapponese presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca e lingua e cultura giapponese presso la Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Varese. Collabora con alcune fondazioni e centri culturali. È presidente del Centro Italia-Asia e membro di Aistugia. Curatrice e scrittrice, ha pubblicato per Zanichelli: Dizionario italiano-giapponese; Grammatica pratica di giapponese; Scrittura giapponese. È traduttrice ufficiale di Crespi Bonsai.

Presidente del Centro di Cultura Italia-Asia

TAEKO MURATA E LUCA GAROTTA 

Tea in Italy – tea house con sede a Varese – nasce nel 2013 dal matrimonio fra Giappone e Italia, ma anche fra Taeko e Luca. La loro passione per il tè nasce lontano e segue strade culturalmente molto diverse: per Taeko il tè rappresenta la tradizione, i valori familiari, l’ospitalità, la religione Buddista. Luca, diplomato Tea Sommelier, ha un approccio ed un gusto più europeo per il tè. Per entrambi, però, questo prodotto è speciale e merita un’attenzione del tutto unica. Dal 2018 hanno aperto sempre a Varese un ristorante specializzato in ramen: il “Taeko ramen”.

Esperti di tè e cucina giapponesi

AGNÈS PAGANELLI

Appassionata di origami, ha appreso l’antica tecnica giapponese di piegare la carta frequentando corsi e laboratori tenuti da vari esperti. Tiene corsi principalmente per bambini.

Origamista

YOKO TAKADA 

Eclettica artista giapponese, Yoko Takada si è laureata in musica presso l’Università di Hiroshima dove ha conseguito il master post-laurea. È residente in Italia ormai da diversi anni. Oltre che di musica e canto è maestra di danza Odori, il ballo tradizionale giapponese. È esperta di cerimonia del tè, arte che ha appreso frequentando la scuola Urasenke già dall’età di 15 anni. Si è inoltre specializzata in molte tra le discipline artistiche tradizionali giapponesi come il Shuji – la calligrafia – arte in cui conseguito il 5° dan, l’ikebana, l’origami e la cucina.

Cantante, esperta di cerimonia del tè, ikebana e danza

 

© 2019 Crespi Bonsai - S.S. Sempione 35, 20015 Parabiago (MI) - Tel 0331 491850 - www.crespibonsai.com
Powered by paxdesign